paint 3La Chiesa di San Zenone compare per la prima volta nelle carte del X secolo, ma potrebbe avere anche origini antecedenti.

 

Quando nel 1569 S. Carlo Borromeo, arcivescovo di Milano, inviò un suo visitatore nella pieve di Rosate, questi trovò la chiesa di San Zenone in uno stato pericolante e degradato, priva di pavimento e di tetto. Il Borromeo emise dunque una serie di decreti volti al recupero della struttura; sia ha conferma indiretta della successiva esecuzione dei lavori grazie alla documentazione di una visita pastorale effettuata da un delegato di Federico Borromeo nel 1597, dove viene descritta una  chiesa in buone condizioni con pareti intonacate, il soffitto in legno, il pavimento in mattoni, un nuovo pulpito, l'imponente porta principale e la facciata interamente dipinta. Viene inoltre descritto il cimitero sul lato meridionale della chiesa, il campanile presso l’altare maggiore e un altare laterale intitolato all’Assunzione con una tela “bellissima” di uguale soggetto.

 

Abbiamo inoltre dettagliate descrizioni dei lavori eseguiti nel XVII secolo dalle memorie di Don Schianno, dove sono descritti accuratamente i lavori relativi alla costruzione della sagrestia e della balaustra, al prolungamento di una campata dell’unica navata della chiesa, alla realizzazione del coro maggiore, all'innalzamento dell’abside e alla realizzazione della nuova facciata.

 

Ma la peste, la crisi economica conseguente e la guerra resero estremamente lunghi i lavori che durarono circa quarant’anni. Per la messa in opera di un nuovo tabernacolo si dovette arrivare al 1663: realizzato da Carlo Garavaglia su richiesta del conte Giuseppe Panigarola era alto sei braccia, realizzato in legno di pioppo con pietre preziose e rilievi che rappresentavano santi, angeli e sibille. La scelta di materiali nobili e di aspetti decorativi di particolare pregio rallentò non poco il compimento delle opere di restauro.

Quando, nel 1957, furono eseguiti i lavori per la realizzazione della nuova pavimentazione sotto la quale installare un impianto di riscaldamento, gli operai ritrovarono un'antica muratura con tracce di affresco. Si trattava della base di un’abside circolare del diametro di 6m attorno alla quale furono trovati frammenti di affreschi di raffinata esecuzione che si ipotizza risalenti all’età tardoromana. Si trattava quasi certamente di una cappella privata del castello, l’ubicazione al centro del villaggio ne favorì il passaggio a parrocchia consentendole di sopravvivere ad altre cappelle edificate nei dintorni.

 

Recentemente la chiesa è stata oggetto di un nuovo intervento di restauro, che ha restituito agli intonaci, agli stucchi ed ai marmi il loro splendore originario.

 

 

(Fonte: Comune di Vermezzo)

 

 

 

 

Chiesa di San Zenone

 
 
 
 
  • Piazza Comunale 10 - 20080 Vermezzo (MI)
  • Telefono: 02 944 0318

 

 
16 Luglio 2024

Abbiategrasso Dementia Friendly: commercianti avanti tutta

"Comprendere il comportamento della persona con demenza": un prezioso momento formativo a cura della Fondazione Golgi Cenci è stato proposto mercoledì 10 luglio presso l’omonimo istituto. Confcommercio Abbiategrasso ha coinvolto diversi commercianti, già operativi nel progetto Abbiategrasso Dementia Friendly o interessanti ad impegnarsi. Relatrici: Laura Pettinato, Neuro - Psicologa, e Silvia Vitali, Medico - Geriatra. Consapevolezza, conoscenza e condivisione per una…
10 Luglio 2024

Cassinetta di Lugagnano: la Antica Osteria del Ponte nella guida Michelin 2024

Antica Osteria Del Ponte, eccellenza enogastronomica di Cassinetta di Lugagnano, uno fra i Borghi più Belli d'Italia, cullato dal Naviglio Grande nonché perla dell'Abbiatense, nota altresì per le sue ville di delizia, per i suoi scorci bucolici e per le politiche virtuose nella gestione del territorio. Il prestigioso ristorante, per decenni regno dello chef bistellato di fama mondiale Ezio Santin, è…
08 Aprile 2024

Franco Moschino: Tête à Thè gli dedica un dolce in occasione della mostra

"Dal 6 al 21 Aprile nella nostra teeria Tête à Thè troverete il nuovo dolce Cheap & Chic: una doppia mousse di cioccolato & lampone con un cuore morbido di lampone. Un dolce dedicato a Moschino, abbiatense. Quest'anno sono 30 anni della sua precoce perdita. In città ci sono 2 mostre che meritano di essere viste: una nei sotterranei del…
04 Aprile 2024

Genius Loci: Franco Moschino. Etica, Estetica e Arte a XXX anni dal Kaos Creativo

2023: trentennale della nascita di Maison Moschino. 2024: trentennale della morte di Franco Moschino, couturier che ha creato l’omonima casa di Moda. Un genio indiscusso del fashion Made In Italy che, con le sue provocazioni, l’estro e la spiccata sensibilità estetica, ha reso grande la filiera in tutto il mondo. Nato ad Abbiategrasso, inizia la sua gloriosa carriera come disegnatore…
25 Gennaio 2024

Abbiategrasso: al via gli incontri letterari targati Iniziativa Donna e L'Altra Libreria

Iniziativa Donna e L'Altra Libreria, un'attivissima associazione culturale e un'attività commerciale più che virtuosa, nuovamente insieme per arricchire la città con la loro proposta. Tornano, infatti, gli INCONTRI CON GLI AUTORI, da ben 28 anni un classico del palinsesto abbiatense. Appuntamento le domeniche di febbraio fra la Sala Consiliare del Castello Visconteo e il poliedrico salotto di Spazio Ipazia. Autori e autrici del…
23 Gennaio 2024

Bianca Stella/Ballata per piccole cose il 26 gennaio ad Abbiategrasso

  “La nostra è una storia di esseri umani. Indaghiamo inoltre una relazione di vicinato, nel senso di vicus, appartenenti allo stesso villaggio, che diventa a poco a poco prossimità umana. Immaginiamo lo spettatore come un terzo vicino, un dirimpettaio che ogni tanto spia dalla finestra Stella, Bianca e le loro giornate.Il tempo si insinua fra loro, nei ricordi di…
15 Gennaio 2024

La dittatura silenziosa in Bielorussia: Lorenzo Rotella e Il Monolite della Memoria

"Rendere la memoria un’azione attiva significa anche ricordarsi che molte situazioni esistono anche se non se ne parla. La Bielorussia non è di certo al centro del dibattito culturale e di stampa nell’ultimo periodo, eppure la sua situazione è parecchio problematica. Ce ne parlerà Lorenzo Rotella mercoledì prossimo, 17 gennaio 2024, alle ore 21.00 a Spazio Ipazia, in Vicolo Cortazza…

Utilizziamo i cookie sul nostro sito Web. Alcuni di essi sono essenziali per il funzionamento del sito, mentre altri ci aiutano a migliorare questo sito e l'esperienza dell'utente (cookie di tracciamento). Puoi decidere tu stesso se consentire o meno i cookie. Ti preghiamo di notare che se li rifiuti, potresti non essere in grado di utilizzare tutte le funzionalità del sito.

Ok