museo pisani dossiA Corbetta è possibile visitare la casa che fu di Alberto Pisani Dossi, noto con lo pseudonimo di Carlo Pisani Dossi, scapigliato artista milanese del XIX sec

 

Lo scrittore ebbe una produzione artistica molto intensa che lo fece entrare in contatto con una buona parte degli esponenti letterari dell'epoca, tra cui anche Carducci. Ebbe però anche ruoli politici di importanza cruciale all'epoca del governo Crispi, diventando Console a Bogotá, Ministro Plenipotenziario ad Atene e negli ultimi anni di vita Governatore dell'Eritrea a cui ha dato il nome.

 

Nell'ultimo periodo della sua vita si ritirò a Corbetta dove si dedicò ad un'altra delle sue passioni: l'archeologia. Fu così che ritrovò all'interno della casa di via Mussi 38 le tracce, i decori e un serie di oggetti dell'edificio originario fatto costruire verso la metà del quattrocento dal Conte Ambrogio Varese di Rosate, fisiatra di Ludovico il Moro, Duca di Milano. Nacque così il museo archeologico che conta anche resti provenienti dagli scavi romani in località Cascina Riazzolo ad Albairate. 

 

Il Museo si compone di due aree, la prima è la casa (oggi spesso messa a disposizione per catering ed eventi di gala) e la seconda, invece, è il museo stesso. Può essere suddiviso in due blocchi principali: al piano superiore si trova la collezione che è costituita da materiale proveniente da RomaColombia e Grecia dove il Dossi aveva soggiornato per incarichi diplomatici e al piano terra si trova il museo vero e proprio, con i reperti rinvenuti durante gli scavi effettuati dallo stesso Carlo Dossi a Corbetta e nei paesi limitrofi. In questa sezione sono presenti tre sale:

 

  • la prima, dedicata proprio a Corbetta, accoglie una decina di tombe provenienti da sepolture locali oltre ad un umbone di scudo e ad alcune spade longobarde;
  • la seconda  è dedicata ai reperti ritrovati a Santo Stefano Ticino;
  • la terza è interamente dedicata agli insediamenti ritrovati ad Albairate e nella frazione di Riazzolo, si trovano tre tombe alla cappuccina ricostruite per volere del Dossi stesso con un intento chiaramente didattico. I materiali conservati in questa sala provengono da tre necropoli distinte: quella della Mischia (origine celtica), quella della Faustina (origine romana) e quella della Vigna Streppa. La sala è dedicata infine alla necropoli della Scamozzina (una cascina a Cisliano) dove il Dossi trovò i reperti più antichi, databili al XIV-XIII secolo a.C. Tra gli oggetti di maggiore rilievo ricordiamo un'ascia neolitica risalente al III millennio a.C. che ancora oggi rappresenta uno dei reperti meglio conservati al mondo di questa categoria.

 

Vastissima poi è la biblioteca di libri e manoscritti che il Dossi ed i suoi eredi hanno collezionato ed arricchito col passare del tempo. Essa consiste oggi in una mole di diverse migliaia di volumi (risalenti soprattutto al Seicento ed al Settecento).  Vanta di una rarissima edizione del Flos Duellatorum (Flos Duellatorum in armis, sine armis, equester et pedester) di Fiore dei Liberi da Premariacco, uno dei più famosi ed antichi trattati di scherma e simbolismo esistenti al mondo, risalente al primissimo Quattrocento. La copia conservata a Corbetta è tra l'altro la più ricca delle tre originali conservate al mondo, e l'unica ad essere conservata in Italia (le altre si trovano negli Stati Uniti, nella Pierpont Morgan Library e al Getty Museum).

 

Non vanno dimenticati i numerosi documenti e scritti relativi alla casa ed alla sua amministrazione, che comprendono integralmente l'archivio della famiglia Varese da Rosate e quello della famiglia Mussi che furono proprietarie della villa.

 

220px ADurerFortunaengraving

All'interno della villa si estende poi anche la sezione della biblioteca privata che comprende le sue carteappunti, un plico di appunti di archeologia, un suo ritratto eseguito dall'amico e pittore Tranquillo Cremona e nove stampe cinquecentesche di Albrecht Dürer. Le più importanti:

 

 

  • Nemesi (foto)
  • Il cavaliere, la morte e il diavolo (1513) 
  • San Girolamo nella cella (1511)
  • Melencolia I (1514)
  • La grande fortuna (1502)

 

 

 

 

   Museo Alberto Pisani Dossi

 

  • Via Francesco Mussi 38 - 20011 Corbetta (MI)
  • Visitabile su prenotazione

 

 

   Villa Alberto Pisani Dossi

 

  • Via Francesco Mussi 38 - 20011 Corbetta (MI)
  • Telefono: 02 9777430 oppure 339 5254794
  • E-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
  • Visitabile su prenotazione

Resta sempre aggiornato con la nostra Newsletter Iscriviti

I cookie rendono più facile per noi fornirti i nostri servizi. Con l'utilizzo dei nostri servizi ci autorizzi a utilizzare i cookie.
Ok