Cosa accomuna Maria Callas, la divina della lirica, e Umberto Veronesi, oncologo di fama mondiale? L’amore per la carne… equina. Ebbene sì, una passione che mette d’accordo moltissime buone forchette, capaci di coglierne gusto e verve godereccia. Cerchiamo di conoscerla meglio, svelandone le proprietà, fra ricette, chicche e curiosità. Con due aiutanti doc: Laura e Giuseppe, le anime della Macelleria Equina Mesa, nel cuore di Abbiategrasso. Una vera passione, la loro, per la carne di cavallo. Sin da quando erano piccoli. Gli chiedo subito come mai abbiano scelto di vendere solo carne equina. “Perché ne andiamo pazzi: i nostri genitori ci hanno nutrito con questa carne, che noi continuiamo a gustare giorno dopo giorno e che è alla base anche dell’alimentazione dei nostri figli.” Insomma: i due energici e sorridenti titolari, insieme nel lavoro e nella vita, sono i loro primi clienti.

CARNE BIANCA MA ANCHE ROSSA - “La carne equina è molto ricca di ferro ed è quindi perfetta per gli anemici. Inoltre è adatta anche per i bambini in quanto è molto magra (ndr. tanto che è considerata dai nutrizionisti carne bianca) ma, al tempo stesso, è ricca di omega 3 (ndr. acidi grassi essenziali non nocivi per l’organismo) e quindi ritenuta rossa.” – è Laura a rivelarci questo aspetto inedito. “Risulta quindi perfetta sia nell’alimentazione dei più piccoli, sia nei regimi alimentari degli sportivi, proprio perché aumenta la massa muscolare. Ed è molto digeribile” – prosegue la briosa titolare.

I VALORI NUTRIZIONALI – La carne equina, molto poco grassa e più ricca di glicogeno, contiene proteine nobili importanti per lo sviluppo muscolare, per la crescita dei bambini e per il potenziamento del tono muscolare di chi pratica sport. I lipidi sono quasi del tutto assenti (non superano infatti il 2, 2.5 %): sono per lo più grassi di copertura, il che significa che vengono sintetizzati durante la cottura. Il tasso “zero” di colesterolo rende la carne di cavallo consigliabile nell’ambito di diete ipocaloriche. Inoltre, grazie all’acido lattico contenuto al suo interno, è poco aggredita dallo sviluppo di batteri.

LA STORIA – Erodoto racconta che i Persiani consideravano la carne di cavallo un cibo prelibato. Greci e Romani ne esaltavano le qualità, tanto che Mecenate introdusse questo alimento all’interno delle mense più esclusive. Nella mitologia nordica, Odino era rappresentato sempre insieme a Sleipnir, cavallo a otto zampe nato dall'unione tra un dio e un esemplare equino. In onore di Odino, dio della guerra, della magia e della poesia, venivano sacrificati ogni anno a gennaio 99 cavalli bianchi, la cui carne era quindi ritenuta sacra. Continua

Macelleria Mesa
Via Pavia, 19
Tel. 02-94969927
20081 Abbiategrasso (Mi)

Resta sempre aggiornato con la nostra Newsletter Iscriviti

I cookie rendono più facile per noi fornirti i nostri servizi. Con l'utilizzo dei nostri servizi ci autorizzi a utilizzare i cookie.
Ok