trattoriacaselle
"A breve distanza dall'abbazia di Morimondo, nasce dall'entusiasmo di due giovani che hanno voluto tenere vivo lo spirito della trattoria ottocentesca. Alfredo (Bianchi, n.d.r.) si occupa della cucina e Nadia (Tomasi, n.d.r.) della sala. Il locale piace subito per la sua grazia: è luminoso, semplice, ma curato nei particolari, fa sentire a casa. La sala interna in estate è supportata da un ampio e gradevole cortile esterno. I due osti sono cordiali e disponibili a spiegare la loro cucina e a proporre le diverse etichette di vini, prevalentemente dell'Oltrepò Pavese."

Questa l'accattivante descrizione della Trattoria di Caselle riportata nell'autorevole guida eno-gastronomica "Osterie d'Italia 2021- sussidiario del mangiarbere all'italiana", edita da Slow Food Editore, dedicata a trattorie, osterie, agriturismi e ristoranti scelti per capacità di accoglienza, cucina che valorizza il territorio, selezione degli ingredienti e rapporto qualità/prezzo. Un bel riconoscimento per la giovane coppia (nel lavoro e nella vita) che ha accolto la notizia con grande entusiasmo e voglia di fare ancora meglio.

"Viene proposta la cucina lombarda - continua la pubblicazione - con un occhio di riguardo per i risotti e, in stagione opportuna, per la cassoeula e i pesci d'acqua dolce. Il menu cambia con le stagioni, non è molto ricco ma soddisfa diversi gusti. Alfredo cura anche la produzione di salumi, ottimi per una sosta all'ora della merenda". Dunque una proposta poliedrica, ideale anche per i cicloturisti in sosta durante la loro scoperta di questo spicchio più che sorprendente di territorio, fra il Ticino e i NavigliFocus sui piatti da provare assolutamente: "Tagliatelle fresche al ragù di cinghiale, cassoeula, lavarello (pesce d'acqua dolce, n.d.r.) con burro e salvia, salame al cioccolato".

"Questa guida - racconta Alfredo - rispecchia molto i nostri credo, soddisfare il cliente in primis, ascoltarlo, capirlo, farlo sentire subito a suo agio. In quattro anni di nostra gestione abbiamo lavorato tanto proprio sull'aspetto dell'accoglienza. Sinceramente pensavamo di essere sulla buona strada, prima della pandemia, e questo riconoscimento è una bella conferma per il nostro percorso. Ma non ci fermiamo qui: vogliamo lavorare con nuove materie prime, creare piatti diversi e lavorare per una rete. Per noi è importante il legame con il territorio: compriamo moltissimo a km zero (frutta, verdura, carne, formaggi, riso e farina, in primis) e stiamo attenti a utilizzare prodotti e materiali eco-sostenibili (anche i detersivi, n.d.r.). La scelta di avere un menu con pochi piatti, seppur in continuo divenire, nasce proprio dalla volontà di valorizzare sempre la freschezza e la stagionalità degli ingredienti".


Buon lavoro a loro e l'augurio di proseguire in questa gloriosa strada che coniuga gusto, territorialità e ricerca costante della qualità. Amo chiudere con una frase di Carlo Petrini, noto gastronomo-sociologo-scrittore nonché fondatore dell'Associazione Slow Food, che ben esemplifica lo spirito di una guida così importante e i luoghi da preservare, valorizzare e vivere perchè contribuiscono attivamente ad animare i territori dove operano: "Le osterie sono il motore di una comunità. Per il cibo di qualità, ma soprattutto perché le persone hanno bisogno di tornare a stare insieme". Oggi più che mai, mi permetto di aggiungere...


Trattoria Caselle

Via Lattuada, 3
20081 Caselle di Morimondo (MI)
Tel. 02-9407335

More Articles ...

Resta sempre aggiornato con la nostra Newsletter Iscriviti

Cookies make it easier for us to provide you with our services. With the usage of our services you permit us to use cookies.
Ok