Monday 9 December 2019
Parco Naviglio


Ozzero, l'architetto Luigi Cagnola

Cagnola.jpg

Il famoso architetto milanese Luigi Cagnola, autore dell'Arco della Pace in Parco Sempione a Milano, apparteneva ad un'importante e nobile famiglia che già prima del XVI sec. risiedeva ad Ozzero, dove possedeva un Palazzo, il cui giardino è irrigato dal “Fossato Cagnola”, e una cascina.

Benché spesso residenti a Milano e proprietari di un palazzo ad Abbiategrasso, "i Cagnola solevano dimorare sovente ad Ozzero e qui lasciarono qualche ricordo. I Cagnola solevano abitare nel loro Palazzo" (P. Parodi): molti esponenti della famiglia, inoltre, vennero sepolti ad Ozzero, nella parrocchiale di S. Siro e nel Cimitero; fra questi vi è appunto l'architetto Luigi, nato a Milano nel 1762 e morto nella sua villa di Inverigo nel 1833: "due giorni dopo la salma dell'insigne architetto Marchese Luigi Cagnola veniva portata ad Ozzero e sepolta nel cimitero vecchio" (P. Parodi), dove già riposava Giuseppe Cagnola, suo fratello, mentre, fino all'inizio del XIX secolo, i Cagnola avevano sepoltura nella chiesa del paese.

Uno stretto legame fra Ozzero e i Cagnola, considerando che molti esponenti della famiglia nacquero a Milano e morirono ad Inverigo; come per l'architetto Luigi, consuetudine era trasportare la salma ad Ozzero. Qui è possibile ammirare una sua creazione architettonica: il campanile della parrocchiale di S. Siro che è un edificio molto legato alla famiglia. Le sue opere più famose sono comunque a Milano. L'Arco di Porta Ticinese, con le sue agili colonne ioniche, immenso portico d'accesso alla città, quasi fosse, Milano, un unico grandioso tempio romano. L'Arco della Pace, voluto da Napoleone per aprire quel Corso Sempione che doveva costituire l'accesso al nuovo Foro Bonaparte, maestoso nella sua classica imponenza.

Il Cagnola stupisce per la raffinatezza del disegno: le colonne sono libere, corinzie, creano un notevole movimento, mentre rilievi e decori coprono buona parte delle superfici; non è una citazione di Roma, non è la riesumazione di un freddo cadavere, è un monumento moderno che nasce nel solco dell'elegante neoclassicismo del Piermarini.
 

BIBLIOGRAFIA

P. PARODI, Notizie Storiche di Ozzero, Abbiategrasso, 1924

G. STRAFFORELLO, G. CHIESI, Geografia dell'Italia. Provincia di Milano, Torino, 1894

Aggiungi commento







© parconaviglio.com 2010 | Tutti i diritti riservati | E' vietata la riproduzione anche parziale | P.Iva 08761490153

Questo sito utilizza i cookies. Utilizzando il nostro sito web l'utente dichiara di accettare e acconsentire all’ utilizzo dei cookies in conformità con i termini di uso dei cookies espressi nel documento seguente. Leggi documento