paint 3La Chiesa di San Zenone compare per la prima volta nelle carte del X secolo, ma potrebbe avere anche origini antecedenti.

 

Quando nel 1569 S. Carlo Borromeo, arcivescovo di Milano, inviò un suo visitatore nella pieve di Rosate, questi trovò la chiesa di San Zenone in uno stato pericolante e degradato, priva di pavimento e di tetto. Il Borromeo emise dunque una serie di decreti volti al recupero della struttura; sia ha conferma indiretta della successiva esecuzione dei lavori grazie alla documentazione di una visita pastorale effettuata da un delegato di Federico Borromeo nel 1597, dove viene descritta una  chiesa in buone condizioni con pareti intonacate, il soffitto in legno, il pavimento in mattoni, un nuovo pulpito, l'imponente porta principale e la facciata interamente dipinta. Viene inoltre descritto il cimitero sul lato meridionale della chiesa, il campanile presso l’altare maggiore e un altare laterale intitolato all’Assunzione con una tela “bellissima” di uguale soggetto.

 

Abbiamo inoltre dettagliate descrizioni dei lavori eseguiti nel XVII secolo dalle memorie di Don Schianno, dove sono descritti accuratamente i lavori relativi alla costruzione della sagrestia e della balaustra, al prolungamento di una campata dell’unica navata della chiesa, alla realizzazione del coro maggiore, all'innalzamento dell’abside e alla realizzazione della nuova facciata.

 

Ma la peste, la crisi economica conseguente e la guerra resero estremamente lunghi i lavori che durarono circa quarant’anni. Per la messa in opera di un nuovo tabernacolo si dovette arrivare al 1663: realizzato da Carlo Garavaglia su richiesta del conte Giuseppe Panigarola era alto sei braccia, realizzato in legno di pioppo con pietre preziose e rilievi che rappresentavano santi, angeli e sibille. La scelta di materiali nobili e di aspetti decorativi di particolare pregio rallentò non poco il compimento delle opere di restauro.

Quando, nel 1957, furono eseguiti i lavori per la realizzazione della nuova pavimentazione sotto la quale installare un impianto di riscaldamento, gli operai ritrovarono un'antica muratura con tracce di affresco. Si trattava della base di un’abside circolare del diametro di 6m attorno alla quale furono trovati frammenti di affreschi di raffinata esecuzione che si ipotizza risalenti all’età tardoromana. Si trattava quasi certamente di una cappella privata del castello, l’ubicazione al centro del villaggio ne favorì il passaggio a parrocchia consentendole di sopravvivere ad altre cappelle edificate nei dintorni.

 

Recentemente la chiesa è stata oggetto di un nuovo intervento di restauro, che ha restituito agli intonaci, agli stucchi ed ai marmi il loro splendore originario.

 

 

(Fonte: Comune di Vermezzo)

 

 

 

 

Chiesa di San Zenone

 
 
 
 
  • Piazza Comunale 10 - 20080 Vermezzo (MI)
  • Telefono: 02 944 0318

 

 
29 Maggio 2020

Alessandra Cappellini e i benefici del sale

Un mare a portata di città. Sembra un'esagerazione ma non lo è. Le grotte di sale Naturalsal portano tutti i benefici pari a quelli di 3 giorni di marini. La nebulizzazione del sale rosa dell'Himalaya, sale puro, povero di iodio e quindi senza controindicazioni, è infatti adatta a tutti: dai bambini nei primi mesi di vita, agli anziani a cui protegge le…
28 Maggio 2020

Valeriano Puricelli, Amadeus Dischi: Consigli per l'Ascolto

Instancabile operatore culturale con la sua Accademia dell'Annunciata e in attesa di ufficializzare tutta una serie di illustri appuntamenti (e concerti) Valeriano Puricelli, titolare di Amadues Dischi (Via Borsani, 27/29 - Abbiategrasso - 02 94966110) ci suggerisce un ascolto con la competenza, l'eleganza e la passione di sempre. Non possiamo che ringraziarlo augurandoci di poter tornare quanto prima ad applaudire il meraviglioso…
26 Maggio 2020

I Consigli in Pillole di Martina Sironi: come scegliere la scarpa dei sogni

Come scegliere la scarpa giusta? Come andare oltre a un modello che sembra perfetto ma non lo è? Come valutare materiali, cuciture e numeri? Martina Sironi, solare titolare della sua omonima boutique in Corso Italia, 33 ad Abbiategrasso, dispensa alcuni preziosi consigli per orientare al meglio le sue clienti nell’acquisto.1) Se la scarpa fa male in prova non acquistatela e…
21 Maggio 2020

Stefania Gilardi, Tête à Thè: La Giornata Internazionale del Tè e la ripartenza

"Oggi si celebra la Giornata Internazionale del Tè. Un'occasione preziosa per promuovere il consumo e la produzione sostenibile del tè e per sensibilizzare l'opinione pubblica sulla sua importanza contro la fame e la povertà. È importante che la gente sappia come la coltivazione e la produzione del tè contribuisca alla riduzione della povertà, alla lotta contro la fame e all’emancipazione…
21 Maggio 2020

Abbiategrasso, Studenti, Innovazione e Imprenditorialità: Impresa In Azione e Ja Italia

Confcommercio Abbiategrasso e BeM Service Center supportano e sostengono la partecipazione degli istituti superiori abbiatensi ai percorsi formativi di JA Italia, organizzazione internazionale dedicata all'educazione economico-imprenditoriale in ambito scolastico. Anche quest'anno, nell'ambito del Premio Italo Agnelli, la classe IV AS dell'Istituto Lombardini (indirizzo Socio-Sanitario) ha intrapreso il programma di educazione imprenditoriale "IMPRESA IN AZIONE" sviluppatosi nel corso dei mesi e ha…
20 Maggio 2020

Roberta Carati, Tipoy Abbigliamento: "Ascoltare i clienti, condividere con loro gioie e dolori e coltivare…

Roberta Carati, storica titolare di Tipoy Abbigliamento, amatissimo negozio cittadino che compirà 28 anni a ottobre. Il cuore del centro storico, una delle vie per eccellenza dello shopping abbiatense: Corso XX Settembre. È meta settimana, precisamente mercoledì 20 maggio, e la contatto per un primo, seppur parziale, bilancio, dopo due giorni di apertura. Com'è andata questa attesa ripartenza? "Domenica c'era…
19 Maggio 2020

Alessandro Candian, Lifecombat Academy: "Ripartirò coniugando virtuale e reale e sarà bellissimo!"

"Non sono stati semplici questi mesi, ci siamo visti stravolgere la nostra vita lavorativa e sociale in modo repentino e davvero vincolante. Poteva essere facile gettare la spugna e abbandonarsi ai pensieri brutti e tristi ma di carattere sono un lottatore. Non ho mai mollato e non mi sono lasciato abbattere". Alessandro Candian, curriculum molto importante e riconoscimenti in ogni…

Resta sempre aggiornato con la nostra Newsletter Iscriviti

I cookie rendono più facile per noi fornirti i nostri servizi. Con l'utilizzo dei nostri servizi ci autorizzi a utilizzare i cookie.
Ok