castelCapita che in tempo di crisi ci si appelli all'inefficienza della gestione pubblica e si liquidi con un semplice "mancano le risorse" qualsivoglia iniziativa. Succede, ed è un caso frequente, che trovati i soldi questi vengano sperperati per le più assurde ragione. È raro, invece, il caso in cui proprio da un'amministrazione pubblica scaturiscano idee in grado di generare valore per l'intera comunità.

È questo il caso di Cusago e della sua sindaca Daniela Pallazzoli intenzionata ad acquistare un Castello. Fossimo in un altro contesto verrebbe da pensar male, ma in questo borgo alle porte di Milano l'acquisto del fortilizio di Cusago è davvero dovuto. Già perché senza un immediato intervento di ristrutturazione del tetto la struttura rischia di collassare su se stessa portandosi dietro la sua ricca memoria. L'amministrazione per poter correre ai ripari deve diventare proprietaria del 51% dell'edificio e avviare così i lavori.

Come detto, però, in un contesto in cui le idee non mancano, ciò di cui si sente il bisogno è il denaro. Stiamo parlando di circa 1 milione di Euro per iniziare ad acquisire la proprietà ed intervenire in via emergenziale. Successivamente, ed è questa la vera idea, si passerebbe alla costituzione di una Fondazione cogestita dal Comune e da privati, che si occuperebbe della ristrutturazione dello storico Castello per riportarlo allo splendore di un tempo.

Ciò premesso, occorre stabilire il valore della struttura. Non si parla di una stima monetaria, bensì delle possibilità che l'edificio riserva per il territorio. Procediamo con ordine elencando una serie di opportunità che potrebbero, a seguito di un'adeguata gestione, scaturire dalla ristrutturazione. In primis stiamo parlando di un edificio del XIV secolo che è stato la residenza di Ludovico il Moro e ha ospitato Leonardo Da Vinci. Nomi spendibili in Italia e all'estero che garantiscono almeno la visita del turista appassionato. Come secondo aspetto, davvero non trascurabile, la vicinanza con la città di Milano. Siamo a pochissimi chilometri dalla stazione metropolitana di Bisceglie e semplicemente una pista ciclabile, in parte già presente, potrebbe portare numerosi milanesi ad effettuare una breve gita domenicale in un ambiente pregevole.

A queste ragioni, più concrete ed oggettive, si aggiungono quelle potenziali. Starà nella bravura dell'attuale Amministrazione e della nascente Fondazione rendere oro ciò che ora è mattone pericolante. Potenzialmente si possono organizzare eventi o affittarne le sale affinché aziende di Milano portino i clienti in un contesto di pregio. Oppure promuovere sagre o festival: la manifestazione di Cusago legata ai fiori, ad esempio, troverebbe una sede adeguata e uscirebbe rinvigorita da un eventuale restauro.

Infine, si dice, che una serie di cunicoli costruiti ai tempi di Ludovico il Moro consentissero una fuga verso Milano in caso di attacco. Pensate cosa significherebbe valorizzarli garantendo l'accesso a chi si trovi in possesso di un biglietto di ingresso per il museo del Castello Sforzesco di Milano. Offriremmo un'opportunità in più di visita ai turisti italiani e stranieri che avendo già visitato il Castello Sforzesco vorrebbero proseguire il tour con qualcosa di diverso e alternativo. Il tutto a favore di Cusago, del suo centro storico e delle sue imprese.

Add comment


02 Luglio 2020

Sabrina e Cinzia Angi, A44 Beauty Boutique: leggerezza, sorriso e formazione continua per un approccio…

Sabrina, Accademia delle Belle Arti di Brera, esperienze di lavoro nell'ambito del make-up, con focus sul trucco decorativo e poi... la grande curiosità che la contraddistingue da sempre, la voglia di capire, di confrontarsi, di andare oltre alle facciate. Ecco allora che la formazione con Romualdo Priore, truccatore di fama internazionale, la smuove e la spinge a indagare ulteriormente nella…
01 Luglio 2020

Distretto del Commercio di Abbiategrasso e Robecco sul Naviglio: bando per la ricostruzione economica territoriale…

Con Decreto n. 7344 Regione Lombardia ha approvato la domanda di assegnazione di contributi a valere sul bando dei “Distretti del Commercio per la ricostruzione economica territoriale urbana” presentata dal Distretto del Commercio di Abbiategrasso e Robecco sul Naivglio, che prevede la concessione di 100.000 Euro a favore di aspiranti imprenditori, micro, piccole e medie imprese - singole, in partenariato…
23 Giugno 2020

Enrica Bassi e la forza della semplicità

Enrica Bassi, parrucchiera dal 1984, uno dei volti simbolo di Corso San Pietro, fra le vie più conosciute di Abbiategrasso. Passione, impegno, sorriso e grinta. Da vendere. Conosco Enrica da tanti anni e di lei mi hanno sempre colpito l'energia e la capacità, reale, di non arrendersi, neanche quando la vita l'ha messa a dura prova. Chiacchierare con lei è…
18 Giugno 2020

Ilaria Sammartano, Gaspare Boutique: "Sdrammatizziamo la moda con sorriso e leggerezza"

"Premetto che scelgo volutamente aziende e brand che propongono stili molto definiti e fra loro decisamente differenti, è una volontà precisa proprio per non rimanere imprigionata in poche tendenze e outfit per così dire rigidi." È la prima battuta di Ilaria Sammartano, giovane titolare di Gaspare Boutique di Abbiategrasso, quando le chiedo di parlarmi un po' delle tendenze estate che…
16 Giugno 2020

Luca Mereghetti: sorsi d'estate al New Antony Cafè di Magenta

Una chiacchierata a bordo bicchiere con l'energico Luca Mereghetti, titolare del New Antony Cafè di Magenta. In queste prime sere di bel tempo, uscire e sorseggiare qualche liquida creazione, magari originale e inedita, è di certo allettante. Me ne faccio raccontare alcune, di sua "invenzione", da scoprire nel locale dove lavora da anni.Cominciamo col Brutto ma Buono, a base di…
15 Giugno 2020

Iniziativa Donna e l'Ambiente: due mostre fotografiche ad Abbiategrasso il 20 e 21 giugno

Prove di normalità o, per lo meno, piccoli passi verso la stessa. Dopo le chiusure, il lock down, e la pausa forzata è il momento della ripresa, anche dal punto di vista culturale. Abbiategrasso deve molto a Iniziativa Donna, associazione culturale che compie 25 magnifici anni e che ha animato, colorato, smosso, stimolato, emozionato il pubblico di diversi decenni. Il…
11 Giugno 2020

Damiano Ce, l'orafo felice che veste le personalità

Sereno, pacioso, rilassato: quando parla esprime proprio ben-essere, quello vero, quello dato dalla passione coltivata e dall'entusiasmo di chi nel lavoro si realizza e si mette sempre in discussione. Damiano Ce, dell'omonimo laboratorio orafo in Corso San Pietro, 39 ad Abbiategrasso, ha un percorso professionale pieno di tappe importanti. Me le faccio raccontare. "Avevo 13 anni quando ho iniziato a…

Resta sempre aggiornato con la nostra Newsletter Iscriviti

I cookie rendono più facile per noi fornirti i nostri servizi. Con l'utilizzo dei nostri servizi ci autorizzi a utilizzare i cookie.
Ok