stampaVolendo seguire un itinerario, in auto, moto o bicicletta, che permetta di apprezzare le diverse espressioni dell'arte del Seicento nell'abbiatense, partendo da Milano, si può seguire il Naviglio Grande.

 

Partite la mattina, arrivati a Gaggiano, il paese dei monasteri, ecco una prima sosta: qui troverete la chiesa di Sant'Invenzio, di cultura richiniana, in dialogo colle mobili acque del canale col quale crea un elegante gioco di luci e ombre nel tipico gusto per la scenografia del barocco; proseguite, l'ideale è in bicicletta grazie all a pista ciclabile, lungo il Naviglio per raggiungere, dopo 5 km, Vermezzo, dove la parrocchiale di San Zenone, ricostruita in buona parte nel '600, ha sostituito un più antico luogo di culto omonimo; arriverete così, dopo altri 4 km, ad Abbiategrasso, preceduta dal borgo di Castelletto con chiesa di Sant'Antonio Abate del 1610 e il coevo palazzo Cittadini-Stampa.

 

Arrivati nel centro di Abbiategrasso potrete passeggiare per la cittadina che ha in buona parte mantenuto l'aspetto sei-settecentesco grazie all'opera di Francesco Croce; sarà così arrivata l'ora del pranzo: ad Abbiategrasso molti luoghi di ristoro vi attenderanno con le loro specialità, fra cui, solo per citare le più note, cassoela, nervetti, lesso e risotto allo zafferano. Alcuni esempi? Il Salottino, nella centralissima Piazza Castello. E ancora, il ruspante Circolo dei Contadini, in uno degli scorci più suggestivi cittadini, il Vicolo Cortazza. Per gli amanti della vera pizza napoletana, nel bel quartiere di San Pietro, fra negozi e passaggi pedonali, ecco la pizzeria Da Marita. Nel pomeriggio, continuando la passeggiata nel centro storico, troverete la richiniana chiesa di San Bernardino e la coeva torre di Santa Rosa del Palazzo Comunale.

 

 

Uscite da Abbiategrasso in direzione Sud, passate Ozzero e Morimondo e arrivate dopo 11 km, a Besate: qui un'altra sosta vi permetterà di vedere la piazza principale dove si trovano la barocca chiesa di San Michele, imponente ed incompiuta, e il maestoso portale della Villa Visconti di Modrone. Ancora 4 km e sarete a Motta Visconti: qui passerete davanti all'oratorio di San Rocchino, ampliato nel Settecento, alla chiesa di San Rocco seicentesca e giungerete all'oratorio di Sant'Anna del 1642. Se vi resta un po' di tempo, tornando verso Vermezzo, passate da Gudo Visconti: la preziosa parrocchiale dei Santi Quirico e Giulitta ha una ricca facciata cinque-seicentesca e, all'interno, affreschi dell'epoca di Federico Borromeo

 

 

 

  Pizzeria Da Marita

 

 

  • Via Gorizia 12/14 -  20081 Abbiategrasso (MI)
  • Telefono: 02 382 393 48

Resta sempre aggiornato con la nostra Newsletter Iscriviti

I cookie rendono più facile per noi fornirti i nostri servizi. Con l'utilizzo dei nostri servizi ci autorizzi a utilizzare i cookie.
Ok